Quanti anni hai ?

Non mi hai detto quanti anni hai.
Forse non è importante per te;
perché in ciò si concentra troppa memoria
e rivivi ancora una volta gli errori commessi,
le scommesse perdute all’alba di una notte difficile
o i fogli rimasti bianchi e buttati nel cestino.
Nella folla che staziona dentro il metrò
con i pensieri che ti accompagnano
mentre vai a lavorare.
Nei marciapiedi e nelle scale calcati
dai passeggeri che guardi distrattamente,
nel tuo contesto
io voglio esserci.

No, non mi hai detto quanti anni hai
con la risolutezza che ti caratterizza;
perché di quegli anni hai riempito le pagine del tuo diario
e la realtà percorreva strade assai diverse
dalle intenzioni scritte e sperate
Sull’asciugamano steso nella spiaggia d’agosto
c’è posto solo per te
attorniata da voci, movimenti, suoni
che rendono chiassoso il tuo senso del distacco.
Sul tappeto volante che ti porta via
dalle folle rumorose e feriali,
nel tuo contesto
io voglio esserci.

Forse non rammenti più quanti anni hai,
perché salendo sulla giostra del tempo
capita di disorientare le nostre convinzioni
e mentre la carta d’identità scolorisce
restano solo i sorrisi
guardando le fotografie consunte,
quelle che non ho mai avuto,
come la certezza di possederti.


Nel tramonto di oggi, di un sabato che precede
una domenica solitaria,
in questo lungomare tortuoso e a picco sul mare
dove i colori e i sapori dell’acqua
devi cercarli pochi metri più in basso
e non laggiù dopo le inesistenti spiagge,
nel tuo contesto
io devo esserci

Passerai anche oggi la tua giornata seduta davanti alla scrivania
guardando a tratti il telefono,
come se fosse adagiato in una fossa profonda
come le cavità oceaniche
e così, apparendo distante chilometri, lo ignorerai.
Io invece mi volto verso le mie ampie vetrate
dalle quali si scorge la vita della città frenetica
e la tua immagine riempie le specchiature.
Senza età, senza anni da compiere
ma anche senza sguardo, senza occhi.
Sei come un fotogramma di un film, o una pagina di un libro
mi appari così, in due dimensioni, senza spessore,
senza quell’età che non vuoi
e che non hai mai voluto avere.

Lascia un commento

  • Nome e Cognome:   *
  • E-mail:   *
  • Commento:
  • * Acconsento al trattamento dei miei dati personali.

Condizioni per il trattamento dei dati personali - Ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), il trattamento dei dati che ci vengono forniti Ŕ improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e tutela della riservatezza. Titolare del trattamente dei dati è la Sig.ra Marina Vittori. L'articolo 7 del decreto riconosce all'interessato il diritto di accesso ai propri dati e il diritto di chiedere, in qualunque momento, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione, il blocco dei dati trattati in violazione di legge, inviando un'e-mail a info@ilsognodegliaquiloni.it

 

Poesie e testi contenuti sul sito www.ilsognodegliaquiloni.it sono ESCLUSIVA PROPRIETA' DI Massimo Savoldelli e Marina Vittori
Tutti i testi sono protetti dalla L. 633/1941 sul diritto d'autore. Ne è vietata, quindi, ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta da parte del titolare. Ne è vietata inoltre la riproduzione, anche parziale, sul World Wide Web attraverso le tecniche di mirroring, framing, posting o tramite qualsiasi altro mezzo senza l'autorizzazione scritta del titolare.