Ma se ti senti sola?

Mi guardi con i tuoi occhi azzurri e severi.

Ancora una volta ho paura di aver detto qualcosa di sbagliato.

Aspetto un po’ per vedere se le tue labbra si muoveranno in direzione di un sorriso o – meglio ancora – con una sonora risata.

Sembri impaurita, forse un po’ turbata nell’entrare in casa tua dopo questo fine settimana passato insieme in campagna. Però non ti volti indietro, non mi saluti più. Ti guardo mentre cerchi le chiavi dentro la borsa, chini un po’ la testa perché non le trovi subito.

E io, che potrei fare mille cose, che potrei scendere dall’auto e darti ancora un bacio, oppure dirti che sono stato bene e che non vorrei lasciarti ancora una volta a casa da sola.. Ebbene, io non faccio nulla di tutto ciò. L’ho deciso da un po’.

Finalmente giri la chiave nella serratura ed entri. Ti volti rapida richiudendo la porta alle tue spalle.

Va bene, metto in moto e vado via. In un misto di malinconia e contrarietà.
No, non ti dirò quello che desidero. Non dirò nulla. Neanche questa volta. Spero solo che un giorno accada quello che non ho più provato da molto tempo e che con te ho potuto riassaporare ancora. Io non voglio più stare solo: voglio te. E ti voglio sempre vicino a me, tutti i giorni, tutte le notti, per potermi tuffare nel tuo cuore prima di addormentarmi. Oppure sarai tu che ti addormenterai appoggiando il tuo capo sul mio petto stringendomi forte.

Solo una cosa, amore mio… Voglio che sia tu a dirmelo, voglio che tu sia ben certa di ciò. 

Se ti senti sola, se io ti manco anche solo per una notte, ti prego, non perdiamo altro tempo: prendiamoci la nostra vita! 



Giri intorno al tavolo,
ogni notte la stessa storia
con la testa fra le mani
e i pensieri che volano fuori dalla testa
volano alti nella cucina silenziosa

Ti senti sola,
e ti sembra di sentirmi,
cosa aspetti? Non c’è più tempo…
Ti senti sempre più sola,
in ogni notte buia:
perché non ti arrendi mai?

Non ci sono spiragli nella finestra chiusa,
non c'è nessuno nel lungomare sferzato dal vento
e non possiamo accendere il sole...

Perché non riesci a fermarti mai?
Sei uno scolaro giudizioso
e passi da un compito all’altro
senza vedere la vita che passa
senza togliere i tormenti dai tuoi percorsi

Ti senti così sola,
non dire di no alla mia mano tesa.
Ti senti sola,
non dire di no alle mie magie di prestigiatore,
alle mie fantasie
alla mia voglia di te.

Lascia un commento

  • Nome e Cognome:   *
  • E-mail:   *
  • Commento:
  • * Acconsento al trattamento dei miei dati personali.

Condizioni per il trattamento dei dati personali - Ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), il trattamento dei dati che ci vengono forniti Ŕ improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e tutela della riservatezza. Titolare del trattamente dei dati è la Sig.ra Marina Vittori. L'articolo 7 del decreto riconosce all'interessato il diritto di accesso ai propri dati e il diritto di chiedere, in qualunque momento, la cancellazione, l'aggiornamento, la rettifica, l'integrazione, il blocco dei dati trattati in violazione di legge, inviando un'e-mail a info@ilsognodegliaquiloni.it

 

marina vittori
24/04/2008

ChissÓ quanti commenti riceveremo...

Poesie e testi contenuti sul sito www.ilsognodegliaquiloni.it sono ESCLUSIVA PROPRIETA' DI Massimo Savoldelli e Marina Vittori
Tutti i testi sono protetti dalla L. 633/1941 sul diritto d'autore. Ne è vietata, quindi, ogni riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione scritta da parte del titolare. Ne è vietata inoltre la riproduzione, anche parziale, sul World Wide Web attraverso le tecniche di mirroring, framing, posting o tramite qualsiasi altro mezzo senza l'autorizzazione scritta del titolare.